Fumo: un nemico della bellezza

Il vizio del fumo ha numerose conseguenze sull’aspetto di una persona, in quanto provoca danni visibili alla pelle e ai tessuti. Il Prof. Antonio Ottaviani, specialista in Chirurgia Plastica ed Estetica, ci spiega perché smettere di fumare aiuta ad essere più belli.

1) Perché il fumo ha conseguenze anche a livello estetico?

Il fumo agisce sulla circolazione arteriosa sottocutanea, provocando vasocostrizione dei piccoli vasi sanguigni degli strati più o meno superficiali della pelle. Il sangue arterioso è ricco di ossigeno: diminuendo il suo apporto la pelle perde consistenza e compattezza, provocando cedimenti nei lineamenti e colorito spento.

Naturalmente anche le cure estetiche e i prodotti per l’idratazione della pelle sortiscono risultati notevolmente minori nei pazienti fumatori.

2) Quali sono i danni estetici più visibili provocati dal fumo?

Nei pazienti fumatori, la pelle ha un aspetto opaco, meno luminoso, le rughe sono di norma più profonde. Ci sono poi danni a carico di diverse aree, che contribuiscono ad un aspetto generalmente più vecchio, in particolare le rughe tipo “codice a barre” tipiche del labbro superiore, determinano il cosiddetto “ viso del fumatore.

3) Quando ci si sottopone ad un trattamento estetico, è consigliabile smettere di fumare?

Smettere di fumare è consigliabile sempre per i benefici per la nostra salute in generale. In particolare ai pazienti fumatori che si rivolgono a me per sottoporsi ad un intervento chirurgico, chiedo sempre di smettere di fumare almeno un paio di settimane prima dell’intervento, e di continuare ad astenersi dal fumo per qualche tempo anche nel post-operatorio.

Smettere di fumare, infatti, aiuta a:

– Aumentare i benefici effetti dell’intervento o trattamento estetico;

– Ridurre i tempi del decorso post-operatorio grazie ad una migliore ossigenazione dei tessuti;

– Contrastare la comparsa di ecchimosi (lividi);

– Favorire una rapida cicatrizzazione.