Orari: 9.00-18.00 Lun-Ven

Cura dell’iper-sudorazione

L’iperidrosi consiste nell’aumentata sudorazione di specifiche parti del corpo come la regione ascellare e la regione plantare delle mani e dei piedi. Le cause sono normalmente da ricercare in una iperstimolazione vagale o in fattori costituzionali difficilmente identificabili.

L’INTERVENTO

Per la regione ascellare si può intervenire in maniera definitiva con l’asportazione chirurgica della cute che contiene la maggior parte delle ghiandole sudoripare, eliminando per sempre il problema. L’intervento può essere eseguito in anestesia locale, con un minimo di sedazione, ma sempre in sala operatoria. Il post-operatorio, della durata di qualche giorno, non prevede precauzioni particolari.

VORRESTI UNA SOLUZIONE NON CHIRURGICA?

Un’alternativa all’intervento chirurgico, è rappresentata dall’iniezione locale di tossina botulinica (di tipo A), che risolve l’iper-sudorazione solo temporaneamente e per circa 4 mesi. L’infiltrazione di tossina botulinica di tipo A è la terapia di scelta per curare l’iperidrosi della regione palmare delle mani e dei piedi, non avendo la possibilità di intervenire chirurgicamente in queste zone.

DOMANDE FREQUENTI

Come ci si rende conto che un intervento per iperidrosi ascellare può essere necessario e risolutivo?
La necessità di sottoporsi all’intervento è affidata alla valutazione personale, mentre l’indicazione e il risultato devono essere valutati dal chirurgo.

Dr. Antonio Ottaviani

Chirurgo Plastico, PhD

Dr. Luca Quadrini

Medico Estetico